• Capoluogo: Ammos
  • Abitanti: 700
  • Superficie: 10 km²
  • Porto: Ammos
  • Aeroporto: no
  • Trasporti pubblici: no
  • Noleggio auto e moto: no
  • Campeggi: no

Othoni (dal greco Οθωνοί), detta anche Fanò, è un'isoletta dello Ionio (canale di Otranto) appartenente al piccolo arcipelago delle Diapontie, situata a nord ovest di Corfù (12 miglia marine). E' l'isola dello Ionio più ad occidente ed anche la più vicina alle coste dell'Italia (43 miglia marine) mentre ne dista 38 dall'Albania. La si raggiunge facilmente dalla vicina Corfù.

Ha una superficie di 10 km² e circa 700 abitanti che però abbandonano quasi tutti l'isola in inverno.

Othoni è molto verde (cipressi ed ulivi), montagnosa e con una natura incontaminata. Il suo monte più alto (Megalo Merovigli) misura quasi 400 metri di altezza. L'isola offre belle spiagge sabbiose ed un mare veramente cristallino e colorato.

Othoni, pur essendo sostanzialmente tranquilla, in alta stagione viene molto visitata da turisti in gita giornaliera o in barca a vela, soprattutto italiani.

Secondo la mitologia, sull'isola di Othoni si trova la grotta in cui Calipso tenne Ulisse come “prigioniero ammaliato” per ben 7 anni.

Il capoluogo è Ammos dove si trova anche il porto principale.

Ad Othoni ci sono alcune strade (una sola asfaltata) che conducono alle principali località ma il traffico a motore sull'isola è quasi inesistente. In particolare la strada che sale verso il caratteristico paese di Chorio è ripida e tortuosa. Non esistono autobus o taxi ma l'interno dell'isola è sufficientemente ridotto da poter essere visitato in scooter (da affittare a Corfù) o a piedi.