Home > Blog > Quale isola scegliere > Isole greche deserte e disabitate

Isole greche deserte e disabitate

Le isole greche abitate sono poco più di 200 ma se si contano anche quelle disabitate, isolette minuscole comprese, si arriva a ben 6000. Se proprio non ami la compagnia degli altri esseri umani oppure semplicemente hai bisogno di ricaricarti concentrandoti solo su te stesso, la tua famiglia o pochi amici e la natura, un’isola deserta o comunque quasi disabitata è quello che fa per te. E in Grecia ce ne sono un bel po’.

Le isole greche disabitate sono il sogno di tantissime persone; il premio dopo un anno di stress, il relax meritato dopo tanto studio o il modo migliore per recuperare dopo un periodo di malessere fisico o psichico. Da non trascurare il fatto che sicuramente una vacanza di questo tipo ha un costo decisamente inferiore, anche se raggiungere l’isola può essere un po’ più complesso, così come trovarvi alloggio. Una volta arrivati sarà però un paradiso libero da tecnologia, confusione ed obblighi sociali, anche solo per un giorno.

Di seguito ti elenchiamo le isole greche deserte o con meno di 100 abitanti che abbiamo scovato per te. Facci sapere se ti è venuta voglia di rimanervi per sempre!

Anticitera (Ioniche)

Circa 50 abitanti in 18 kmq, situata a sud del Peloponneso tra Citera e Creta. L’isola è rocciosa con alcuni porticcioli riparati (un tempo utilizzati dai pirati) e pochissime spiagge. C’è un paese con il porto. E’ diventata famosa grazie al ritrovamento della “macchina di Anticitera” che costituisce il più antico calcolatore astronomico meccanico rinvenuto al mondo. La rete stradale è discreta.

Antipaxos (Ioniche)

Circa 100 abitanti (non residenti tutto l’anno) in 5 kmq, situata 2 miglia marine a sud di Paxi, tra Corfù e Lefkada. La costa est offre bellissime spiagge caraibiche mentre quella ovest è frastagliata. Va detto che Antipaxos, pur essendo sostanzialmente tranquilla, in alta stagione viene però presa d’assalto dai turisti che la visitano in giornata. Essendo molto piccola può essere girata a piedi.

Arkoi (Dodecanneso)

Circa 50 abitanti in 7 kmq, situata ad est di Patmos e a nord di Lipsi. L’isola è arida, con coste frastagliate e rocciose ma anche qualche spiaggia sabbiosa. E’ frequentata soprattutto da diportisti e turisti delle classiche gite giornaliere provenienti dalle isole vicine. Sull’isola ci si può spostare a piedi.

Delos (Cicladi)

Delos è completamente disabitata ed occupa una superficie di 4 kmq per cui può essere vistata a piedi. E’ situata al centro dell’arcipelago delle Cicladi vicino a Mykonos. Composta essenzialmente da granito, è completamente priva di vegetazione e particolarmente torrida. Nel passato è stata il più grande centro religioso dell’Egeo nonché un importante porto commerciale ed il suo splendore è ancora immaginabile dai resti delle ville sfarzose rimaste. L’isola è molto visitata dai turisti con gite in barca giornaliere ma non è consentita la sosta notturna. Esiste solo un piccolo alberghetto con stanze destinate agli archeologi che operano sull’isola.

Ereikoussa (Ioniche)

Circa 90 abitanti in 4 kmq, situata a nord ovest di Corfù, di fronte all’Albania. E’ quasi pianeggiante, molto verde e con belle spiagge sabbiose. C’è un porto ed alcuni piccoli villaggi collegati tra loro da strade sterrate pochissimo frequentate. L’isola può essere visitata anche solamente a piedi.

Gavdos (Creta)

Circa 100 abitanti in 30 kmq, situata nel punto più a sud della Grecia, sotto Creta. L’isola è piuttosto selvaggia con alte scogliere ma anche spiagge molto belle. Il suo clima è di tipo africano: caldo e ventoso. La sua rete stradale è molto ridotta così come le possibilità di alloggio.

Ghioura (Sporadi)

Ghioura è completamente disabitata ed occupa una superficie di 11 kmq nell’arcipelago delle isolette di Alonissos. E’ selvaggia e molto montuosa: praticamente inespugnabile e con un mare straordinariamente limpido. Dal 1988 è stata dichiarata parco marino per preservare l’ambiente ancora frequentato dalla rara foca monaca. Attorno all’isola è consentito nuotare, fare snorkeling, foto e filmati, ma non è permessa né la pesca né la caccia. Sull’isola vivono molti uccelli marini, alcuni rari, e una specie rara di capra selvatica, la capra cri-cri. Ghioura è priva di ancoraggi.

Gyali (Dodecanneso)

Circa 20 abitanti in 4,5 kmq, situata tra Kos e Nisyros. Per poterla visitare è necessario un permesso dall’agenzia mineraria che opera sull’isola. Gyali, di origine vulcanica, è infatti monopolizzata da cave di pomice, ossidiana e pirite. Gli abitanti dell’isola sono soprattutto lavoratori delle cave ed anche la rete stradale è funzionale alle attività estrattive.

Kastos (Ioniche)

Circa 50 abitanti in 6 kmq, situata a sud-est di Lefkada. Kastos è un’isola collinare con coste ripide e frastagliate ma anche alcune spiaggette. Esiste un paese con il porto e due strade che la percorrono in tutta la sua lunghezza ma riservate ai residenti. Essendo piccolina può benissimo essere visitata a piedi.

Keros (Cicladi)

Keros è completamente disabitata ed occupa una superficie di 15 kmq nell’arcipelago delle Piccole Cicladi. E’ famosa perché su di essa sono stati ritrovati moltissimi reperti archeologici antichissimi. Nonostante nel passato sia stata al centro della civiltà cicladica, ad oggi non esiste alcun villaggio e nemmeno il porto. Per visitarla si può tranquillamente andare a piedi ma è vietato fermarsi per la notte.

Kyra Panagia (Sporadi)

Circa una decina di abitanti in 25 kmq, situata nell’arcipelago di isolette di Alonissos. L’isola è frequentata solo in alcuni periodi dell’anno dai pastori che allevano capre. Attorno a Kyra Panagia è consentito nuotare, fare snorkeling, foto e filmati, ma non è permessa né la pesca né la caccia in quanto fa parte di un parco marino istituito nel 1988; non è possibile alloggiarvi in alcun modo. L’isola è meta di velisti per la presenza di ben due porti naturali molto belli e assolutamente riparati.

Marathi (Dodecanneso)

Circa una decina di abitanti in 0,35 kmq, situata tra Patmos e Lipsi. L’isola è poco più di un grande scoglio con un po’ di vegetazione tra cui pascolano le capre. I pochissimi abitanti vivono di pesca e gestiscono qualche taverna con camere in affitto. Sull’isola non ci sono strade ma essendo minuscola può essere tranquillamente visitata a piedi percorrendo i sentieri.

Mathraki (Ioniche)

Circa un centinaio di abitanti in 4 kmq, situata a nord ovest di Corfù. Mathraki è molto verde ed offre belle e lunghe spiagge sabbiose oltre a scogliere. Per quanto riguarda il turismo è bene tenere presente che i servizi in generale sono limitatissimi. Ci sono alcune zone abitate ed il porto. Esiste una strada panoramica in cemento che percorre l’isola ma il traffico è quasi inesistente; si può visitarla tranquillamente a piedi.

Peristera (Sporadi)

Meno di una decina di abitanti (presenti solo nella stagione estiva) in 16 kmq, situata a meno di un miglio da Alonissos, nel suo arcipelago di isolette. Dal 1988 Peristera è stata dichiarata parco marino per preservare l’ambiente ancora frequentato dalla rara foca monaca. L’isola, a differenza delle altre dell’arcipelago è liberamente visitabile (ma non è possibile fermarsi per la notte) ed offre belle spiagge sabbiose. Peristera è un rifugio di gabbiani, cormorani, molti altri uccelli ed è presente la rara specie di capra cri-cri.

Pserimos (Dodecanneso)

Circa 80 abitanti in 15 kmq, situata tra Kalymnos e Kos si trova molto vicino alla Turchia. Gli abitanti vivono essenzialmente di turismo, un po’ di pastorizia e pesca. Ci sono un piccolo paese ed il porto, ma la rete stradale è praticamente inesistente: sono presenti solo sentieri percorribili a piedi.

Skantzoura (Sporadi)

Completamente disabitata, occupa una superficie di 8 kmq e fa parte dell’arcipelago di isolette di Alonissos. E’ piatta e circondata da molti isolotti. Dal 1988 Skantzoura è stata dichiarata parco marino per preservare l’ambiente ancora frequentato dalla rara foca monaca. Attorno all’isola è consentito nuotare, fare snorkeling, foto e filmati, ma non è permessa né la pesca né la caccia. L’accesso all’isola è consentito solo per motivi di studio e ricerca. Sono presenti diverse specie rare di uccelli, anche rapaci, e di molte vipere.

Telendos (Dodecanneso)

Circa 40 abitanti in 5 kmq, situata proprio accanto a Kalymnos. L’isola è praticamente costituita da una imponente montagna dove molti turisti vanno ad arrampicare. Esiste un paese ed un porto ma non esistono veicoli a Telendos: per spostarsi da un luogo all’altro si va a piedi lungo i sentieri che la attraversano.

COMMENTA L'ARTICOLO